Teamleader Blog Article

Come funziona l’IVA per la tua PMI?

Francesco Grande Francesco Grande on 10-apr-2019 16.15.00 in Vendite e Marketing

Come funziona l’IVA per la tua PMI?

IVA: in qualità di clienti rispettosi della legge, la paghiamo ogni giorno attraverso i nostri acquisti. Ma cos’è esattamente l’IVA? Quali sono le diverse tariffe? Quali regole è necessario seguire per addebitarla e pagarla? In quali casi un’operazione non è assoggettata a IVA? Ecco le risposte a tutte queste domande.

Come funziona esattamente l’IVA?Per cominciare dalle basi: IVA è l’acronimo di “imposta sul valore aggiunto”. Si tratta di un tributo indiretto che il governo riscuote sulla vendita di prodotti o servizi. L’imposta è calcolata sul prezzo di vendita di un prodotto o servizio in ogni fase del processo di produzione o distribuzione. Il valore aggiunto da qualcuno a un prodotto o servizio viene infatti sempre tassato.

L’imposta è applicata in non meno di 166 paesi, compresi tutti i paesi dell’ Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ad eccezione degli Stati Uniti. Per l’UE, le norme di base sono stabilite nella direttiva IVA. La sua applicazione può variare da uno Stato membro all’altro, purché la legislazione di ciascuno non sia in contrasto con quella europea. L’attuale direttiva europea sull’IVA è in vigore dal 1° gennaio 2007.

Pronti a scoprire come far fruttare al meglio gli investimenti e migliorare le vendite? Scaricate il nostro ebook

Come funziona esattamente l’IVA?

In quasi tutti i paesi che applicano l’IVA a livello nazionale, un produttore o fornitore applica un’aliquota IVA al prezzo di vendita di ogni volta che vende un prodotto o servizio. L’acquirente riceve una fattura che indica l’importo dell’IVA.

Quando l’acquirente, ad esempio la tua PMI, rivende il prodotto o il servizio, deve applicare l’IVA? In generale è possibile detrarre l’IVA pagata sulle spese per i tuoi prodotti o servizi imponibili dall’IVA che ricevi sulla vendita, secondo un meccanismo di rivalsa-detrazione. Dovrai dichiarare periodicamente e pagare la differenza allo stato (o reclamare il rimborso dell’IVA qualora tu abbia pagato più di quanto ricevuto).

Infine, l’IVA viene trasferita all’utente finale (che è inciso dal tributo, cioè lo paga senza poterlo detrarre). In qualità di azienda europea, se la tua PMI vende un prodotto o un servizio a un’altra azienda dell’UE con sede legale in un altro stato membro, di solito non è necessario addebitare l’IVA. L’azienda a cui hai venduto il prodotto o servizio pagherà l’aliquota IVA dovuta nel suo paese. È possibile, tuttavia, recuperare l’IVA sui beni e servizi che si sono dovuti acquistare specificamente per quella vendita.

Nelle operazioni di vendita di prodotti a consumatori di un altro Stato membro dell’UE, è di norma necessario registrarsi e applicare l’IVA all’aliquota di tale paese, a meno che le vendite totali di quell’anno non siano inferiori alla soglia IVA del paese interessato. Sarà poi il cliente a pagare l’aliquota IVA che applichi normalmente nel tuo paese in qualità di venditore.

Se vendi servizi ai consumatori, applicherai di norma l’aliquota IVA del tuo paese. Se offri servizi elettronici, di telecomunicazione e radiodiffusione, tuttavia, l’IVA dovrebbe essere pagata nel paese del consumatore.

Nota: questa regola non si applica se hai venduto servizi per un valore inferiore a 10.000 euro in tutti gli Stati membri dell’UE nell’anno in corso e in quello precedente. In questo caso, è ancora possibile utilizzare la tariffa del proprio paese.

Un’altra nota importante: dovrai calcolare la differenza tra l’IVA abbonata e quella pagata in un determinato periodo — ciò che ti è stato accreditato e detratto dal tuo conto bancario — o tra l’IVA che, in quel dato periodo di tempo, hai addebitato o ti è stata addebitata in fattura. In quest’ultimo caso, potrebbe già essere richiesto il trasferimento dell’IVA per le fatture non ancora riscosse.

Quali sono le tariffe IVAQuali sono le tariffe?

In tutto il mondo i governi adottano aliquote IVA diverse. All’interno dell’UE, gli Stati membri applicano una tariffa generale alla maggior parte dei beni e servizi. Ciascun paese è libero di stabilire la propria aliquota, purché non sia inferiore al 15 per cento.

Inoltre gli Stati membri possono applicare un massimo di due diverse aliquote ridotte a un numero limitato di beni e servizi, che non possono di norma essere inferiori al 5%. Quest’iniziativa fa capo a una decisione politica.

L’Italia, ad esempio, utilizza un’aliquota ordinaria del 22%, mentre applica un’aliquota del 4% (minima) a beni e servizi di prima necessità e un’aliquota del 10% (ridotta) a determinati prodotti alimentari e ad alcune operazioni di recupero edilizio. L’aliquota standard si applica a tutti i beni e servizi che non rientrano in un’altra categoria, come i servizi di marketing.

Altri paesi, oltre all’Italia, contemplano un’aliquota ultraridotta (inferiore al 5%) per determinati beni e servizi. Ad esempio, la Spagna applica solo il 4% di IVA alle operazioni di manutenzione e adattamento dei veicoli per le persone con disabilità. Qualcosa di simile succede per la tariffa di parcheggio. Alcuni paesi dell’UE applicano tale aliquota ad alcuni beni e servizi che non possono beneficiare della normale aliquota ridotta. Infine esiste anche l’aliquota “zero”, di cui parleremo tra pochissimo.

Quando sei esente da IVA?

Nei casi in cui è necessario addebitare e trasferire l’IVA, la maggior parte dei paesi richiede la registrazione presso l’amministrazione dell’IVA come persona fisica o giuridica.

In molti paesi dell’UE, tuttavia, non è necessario pagare l’IVA se il fatturato annuo rimane al di sotto di una certa cifra (in Belgio ne sono esenti, ad esempio, i liberi professionisti che fatturano meno di 25.000 euro all’anno). Non è pertanto possibile richiedere alcun rimborso. In pochissimi paesi è possibile beneficiare di una riduzione dell’IVA per una parte del fatturato al di sotto di tale limite (che diminuisce con l’aumentare del fatturato, fino al raggiungimento della soglia). La soglia varia da paese a paese e talvolta si applicano condizioni supplementari per poter usufruire di tale agevolazione.

Dobbiamo inoltre distinguere tra beni e servizi che sono esenti da IVA e che sono soggetti all’aliquota zero. In alcuni casi gli Stati membri nazionali non possono applicare l’IVA in alcuni ambiti, quali quello dell’istruzione, dell’assistenza sanitaria e dei servizi finanziari. Chiunque venda beni e servizi esenti non può pertanto chiedere il rimborso dell’IVA.

In alcuni paesi, l’IVA allo 0% viene applicata anche a determinati beni e servizi. Questa aliquota si applica, ad esempio, alla maggior parte dei prodotti alimentari, dei libri, dei medicinali e di alcuni mezzi di trasporto nel Regno Unito. Chiunque debba applicare questa aliquota alla propria offerta può tuttavia richiedere il rimborso dell’IVA sulle spese sostenute.

Le merci di basso valore importate da paesi extra UE con un prezzo d’acquisto compreso tra 10 e 22 euro possono essere esentate dall’IVA anche in alcuni Stati membri. Un paese può decidere di accelerare la consegna dei pacchi per posta qualora la riscossione dell’IVA non sia praticamente fattibile. Le aziende di commercio elettronico non europee di solito devono applicare l’IVA negli Stati membri in cui sono attive.

Vuoi saperne di più sul regime europeo dell’IVA? Consulta questa panoramica dell’UE.

Ottimizzate le vendite - scarica l'ebook